Giovane sudamericano annega nel Ticino per salvare la nipote

Un 38enne di origine ecuadoriana, Pablo Duarte Cabrera, residente a Milano, è annegato mentre cercava di salvare la nipote rimasta vittima della corrente del fiume Ticino. È accaduto ieri alle 12.30, nelle vicinanze di Abbiategrasso. La ragazza, una 16enne, stava giocando con dei cagnolini che entravano in acqua a cercare un po’ di frescura, quando è stata tracinata al largo dalla corrente. Non appena l’ha vista in difficoltà lo zio si è lanciato nel fiume per soccorrerla e, grazie anche all’intervento di quattro ragazzi che si sono buttati anch’essi nel fiume, la giovane si è salvata. In quel momento ci si è accorti però che era proprio lo zio a mancare all’appello: era scomparso. Il sudamericano è stato ripescato infatti solo un’ora dopo dai sommozzatori dei vigili del fuoco. L’uomo era in arresto cardiaco. Gli operatori del 118, giunti sul posto con l’elisoccorso, hanno tentato di rianimarlo sul posto per oltre 40 minuti, quindi hanno dovuto constatarne il decesso. La ragazza, rimasta illesa, è stata portata per accertamenti all’ospedale di Vigevano.
I carabinieri di Abbiategrasso stanno ancora cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto. Nel giugno dell’anno scorso, nello stesso punto in cui ieri è annegato l’ecuadoriano, era capitato lo stesso a un ragazzo italiano di 28 anni. Il giovane era entrato nel fiume e alcuni testimoni raccontarono di averlo visto subito in difficoltà. Poi il giovane era scomparso tra le acque.