La giovane tradizione Italiana verso l'Europa

L’avevamo definito un appuntamento da non perdere e tale si è rivelato

L’avevamo definito un appuntamento da non perdere e tale si è rivelato. Il Concorso Internazionale di Attacchi di Tradizione organizzato dal GIA l'1-2 Ottobre alle Scuderie di Mustonate, il Centro Equestre di Francesco Aletti Montano, ha finalmente sancito che la Tradizione Italiana si colloca a pieno titolo nel contesto europeo. Ed, infatti, il parco concorrenti numeroso e di qualità, la Giuria di alto livello, la perfetta organizzazione, il grande numero di addetti in campo, la splendida cornice del Borgo di Mustonate e, perché no, un clima favoloso che tutta l’Europa ci invidia, hanno dimostrato che i Concorsi di Tradizione Internazionali si possono fare in Italia e si possono fare bene!

E’ questo l’apprezzamento ampiamente dichiarato dai due Giudici internazionali presenti, Pierre de Chezelles e Reinhold Trapp che ci hanno invitato continuare su questa strada ed il Gruppo Italiano Attacchi sicuramente lo farà. Proprio in questo spirito sta la scelta del GIA, che, a partire da questo Concorso, mettendo a disposizione premi in denaro, punta a promuovere la partecipazione dei concorrenti italiani ai Concorsi Internazionali all’estero, dove si va per imparare, certo ed innanzitutto, ma anche per mostrare il patrimonio di carrozze esistente in Italia, una risorsa nazionale che non è seconda a nessuno ed è da valorizzare.

Per questo il Gruppo Italiano Attacchi ha destinato, in base alla classifica, contributi da erogare nel 2012 a chi parteciperà a CIAT all’estero. La consapevolezza che si stia preparando una stagione importante per la Tradizione italiana è diffusa nel mondo degli Attacchi ed infatti i ben 28 partecipanti, la qualità dei legni presentati e, finalmente, la presenza di nuovi, giovani, ed entusiasti concorrenti, che fra l’altro si sono ben posizionati nelle Classifiche (che a breve pubblicheremo), ne sono la prova.

Per vedere tutte le foto dell'evento Il Concorso si è svolto su due giornate: il Sabato dedicato all’Accoglienza, alla Ricognizione del Percorso di Campagna, alla Cena di Gala, durante la quale sono state proiettate le immagini di Concorsi Internazionali di Tradizione in Francia e della stupenda Sfilata di Stupinigi alla Reale Palazzina di Caccia. Prezioso il contributo del Giudice Pierre de Chezelles che ha commentato le immagini con apprezzamenti e consigli.

La Domenica è iniziata prestissimo con concorrenti indaffaratissimi e desiderosi di presentare al meglio i loro Attacchi e di attacchi di pregio ne abbiamo visti: dalle carrozze originali, per esempio, una Briska Russa di fine ‘700, unDuc de Dame, un Break, un Break de Chasse, un Rally Car, 2 Gig e poi American ed altri modelli ancora risalenti a fine 800, a perfette repliche del ‘900, Phaeton, Break, Gig.

A breve pubblicheremo l’elenco dettagliato dei legni e dei Driver. Bellissimo l’ambiente: campo per la Presentazione accuratamente predisposto, stupendo ed impegnativo il Percorso di Campagna con Prove di Maneggevolezza ed articolato il tracciato Coni, grazie all’impeccabile realizzazione di Alessandra Gerardini.

Va sottolineata l’instancabile attività dello speaker, Mario Fenocchio, che ha intrattenuto il folto pubblico di appassionati e di semplici spettatori per ore con la valida collaborazione di Ivano Fizio responsabile del commento musicale, il quale ha predisposto e dedicato ad ognuna delle 28 carrozze uno speciale brano musicale.

Presenti due Televisioni a riprendere l’evento CLASS HORSE TV e CANALE 55, molti fotografi e cineoperatori che renderanno disponibili prodotti video ai concorrenti, ed a tutti coloro che ne faranno richiesta. Un ringraziamento alle figure che hanno contribuito al successo della manifestazione: i Giudici presenti (Reinhold Trapp, Pierre de Chezelles, Giuseppe del Grande, Mario Gennero, Mario Venegoni); il Direttore e i Responsabili di campo (Francesco Ajosa, Rosalina Matteja, Ivo Fibioli, Piero Paloschi, Renato Bruzzone); alla Segreteria (Francesca e Rosalina Matteja, Laura Costamagna, Rosa Fibioli, Cavaleri Bruno, Antonella Corti); ai responsabili della Sicurezza, le impareggiabili Giacche Verdi di Adriano Bernini, che ancora una volta non sono mancate a Lissago.

E uno speciale ringraziamento all’ospitalità ed alla disponibilità del padrone di casa, Francesco Aletti Montano, che, da grande appassionato di attacchi, oltre mettere a disposizione le sue strutture per questo evento ed a collaborare all’organizzazione degli spazi, ha partecipato con il suo Spider Phaeton alla gara presentandosi a cassetta accompagnato dai suoi due figli più giovani, perfettamente abbigliati per l’occasione.

Per vedere tutte le foto dell'evento clicca qui