Giovani coppie in seria difficoltà

A Genova una famiglia composta da due giovani coniugi e due figli spende circa 37 mila euro all’anno per le spese necessarie, e la differenza tra fabbisogno e reddito netto annuale provoca un deficit che, a seconda delle professioni esercitate dai genitori, varia da 2000 a 4500 euro annui. Sono i dati, relativi al capoluogo ligure, di «Problemi di famiglia», studio sulle condizioni delle famiglie italiane effettuato dall’Eurispes e pubblicato la scorsa settimana.
Secondo l’Eurispes, che ha esaminato il reddito di una coppia che esercita professioni diverse, a Genova un muratore e una cassiera registrano un deficit annuo di circa 4500 euro, un professore di liceo sposato con una maestra e un dirigente industriale sposato con una borsista universitaria di circa 3800, un bancario e una commerciante di 2000.
Un’analisi che conferma il quadro di generale difficoltà registrato dall’istituto in tutta Italia, e che costringe le famiglie a ricorrere sempre più spesso agli usurai: secondo dati Eurispes del 2005, infatti, nella classifica delle province italiane a rischio usura quella di Genova era all’80 esimo posto (su 103 totali).
E comunque, anche se molti non arrivano fino al punto di ricorrere agli usurai, è un fatto che aumenta l’indebitamento delle famiglie soltanto per poter vivere normalmente. E le tasse alte non fanno altro che aggravare la situazione.