Giovanni Paolo II è beato Lacrime e gioia della folla

Più di un milione di persone in piazza San Pietro. La folla: &quot;Santo subito&quot;. Benedetto XVI: &quot;Era un gigante&quot;. E' la causa di beatificazione più veloce della storia della Chiesa <strong>SONDAGGIO</strong> <strong><a href="http://www.ilgiornale.it/sondaggio_1a.pic1?PID=235" target="_blank">Giusto accelerare la procedura verso la santificazione? VOTA</a></strong> <br />

Sei anni e un mese dopo la morte Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II è stato proclamato beato dal suo successore Benedetto XVI. Questi, accolta la richiesta del vicario di Roma Agostino Vallini, ha letto la formula latina che annovera il papa polacco tra i beati. E' la causa di beatificazione più veloce della storia della Chiesa. La festa del nuovo beato, ha confermato il Papa, sarà il 22 ottobre, anniversario dell' elezione al pontificato.

Un lungo applauso e ancora l'urlo "Santo subito". Così la folla in piazza San Pietro ha salutato la formula di beatificazione di Giovanni Paolo II. In piazza San Pietro sventolano le bandiere di tutte le nazioni. Un velo di commozione ha percorso il volto di mons. Stanislao Dziwisz, segretario di Giovanni Paolo II per tanti anni, quando Benedetto XVI ha proclamato beato Karol Wojtyla.

Il cardinale di Cracovia sta concelebrando il rito sul sagrato di San Pietro. Non soltanto in San Pietro ma in tutte le piazze e strade di Roma affollate dai pellegrini il momento della beatificazione di Giovanni Paolo II è stato salutato da un caloroso applauso. Commozione e gioia tra la gente. "Era un gigante, ha orientato la società a Dio", ha detto Benedetto XVI, che poi ha aggiunto: "La sua santità aleggiava"