Giro d'Italia, Pinotti: un ingegnere in maglia rosa

Di Luca ha deciso di risparmiare la squadra, lascia spazio alla lunga fuga di giornata e Marco Pinotti, bergamasco della T-Mobile, conquista il primato in classifica. Tappa a Valverde

Spoleto - Cronaca di una sconfitta annunciata. "Non voglio sfiancare la squadra per tenere la maglia" aveva detto Danilo Di Luca alla vigilia della sesta tappa. Detto fatto. La fuga buona parte al 61° chilometro. Tra i corridori in fuga ci sono Marco Pinotti e Luis Felipe Laverde che superano indenni tre gran premi della montagna e arrivano al traguardo con quasi 7' sul gruppo, andato a spasso per tutto il giorno. Pinotti (T-Mobile) e Valverde (Panaria) filano d'accordo, anche all'arrivo. L'italiano, bergamasco, ingegnere gestionale, uno dei pochi laureati del plotone, lascia il successo al colombiano, a lui la maglia rosa. Di Luca e i big della classifica non rischiano nulla: Pinotti è veloce a cronometro (è stato campione italiano e azzurro della specialità contro il tempo), ma sulle grandi montagne non può reggere. Prima maglia rosa per Pinotti. Per Laverde, invece, si tratta del secondo successo in carriera al Giro d’Italia dopo quello ottenuto lo scorso anno nella 14esima tappa, la Aosta-Domodossola, al termine di una fuga vincente chiusa in volata davanti allo spagnolo Francisco Perez Sanchez.