«Il Giro a Milano? Serve un colpo di reni»

«Il Giro va a Verona, ma se Milano chiama...». Puntini sospensivi, quelli del patron Angelo Zomegna, che il Comune di Milano sta riempiendo perché il Giro non è solo un evento sportivo ma è qualcosa di più sia per la città che per i milanesi. Evento che si vuole lasciare andare via, «siamo pronti a organizzare un grande appuntamento» chiosa Alan Rizzi, presidente della commissione Sport.
Disponibilità piena dell’amministrazione comunale a supportare il Giro per evitare che l’ultima tappa della gara traslochi dopo 18 anni a Verona. «I margini? Sì, ci sono: con Verona non abbiamo ancora messo nero su bianco» dicono gli organizzatori della corsa rosa. E, intanto, Mario Cipollini fa sapere che «Milano è la sede ideale» e che, all’ombra della Madonnina, «la volata ha un sapore particolare».