Il giro del mondo in 100 giorni a bordo della «Costa Deliziosa»

Capodanno 2012 con il giro del mondo, in 100 giorni, a bordo di una lussuosa nave da crociera. La prossima primavera, un breve giro nel Mediterraneo orientale con la nuova ammiraglia da 114.500 tonnellate, 3.800 passeggeri, ricca di comfort e Fascinosa «per tutta la famiglia». Ottobre 2014, un’altra ammiraglia, stavolta da 132.500 tonnellate, 5mila passeggeri, lunga 305 metri, larga 40 metri, già commissionata a Fincantieri e che si realizzerà a Marghera.
Il presidente e ad di Costa Crociere, Pierluigi Foschi, ieri nell’hub ligure ha presentato le novità e lo sviluppo dell’azienda che non risente più di tanto della crisi economica: il 28 settembre da Savona a Los Angeles con Costa Deliziosa, attraverso Caraibi e Canale di Panama, da L.A. a Singapore fino all’Australia e la Nuova Zelanda per tornare attraverso Thailandia, India, Emirati Arabi e Mar Rosso, costerà «soltanto» 10mila euro. Le cabine sono andate a ruba e ne rimangono disponibili ancora poche decine. «L’azienda è solida, i passeggeri sono al 60% stranieri e aumentano ogni anno, gli investimenti crescono - ha spiegato Foschi - al punto che il 6 maggio prossimo inaugureremo a Savona la nuova ammiraglia Costa Fascinosa. Sarà la sedicesima nave della flotta, gemella di Costa Favolosa. Abbiamo investito circa 510 milioni di euro per la costruzione della nave. Il piano di espansione prevede poi la commessa della super ammiraglia da 5mila passeggeri, che sarà varata nel 2014. A gennaio 2012 partiranno i lavori per la realizzazione del secondo terminal nel porto di Savona». Dal 2000 Costa Crociere ha ordinato nei cantieri italiani di Fincantieri dieci navi, per un investimento complessivo di oltre 5 miliardi di euro, continua l’ad. «Vista la larghezza di 40 metri e la lunghezza, la super ammiraglia sarà costruita a Marghera. Purtroppo, mi dicono che a Genova non sarebbe stato possibile, dal punto di vista tecnico, costruire una nave così grande. Anche se nel capoluogo ligure le maestranze e l’indotto, hanno un valore di eccellenza. La scelta del cantieri, in ogni caso, compete a Fincantieri».
«Per quanto riguarda il nuovo governo - ha aggiunto Foschi - siamo compiaciuti che una sola figura, quella di Corrado Passera, abbia tutte le deleghe in un unico ministero. Per noi sarà più facile dialogare per sviluppare il settore».