GIRO DELLA PADANIA NELLA BUFERA

Doveva essere una festa popolare, dedicata al ciclismo, in nome - l’aveva detto Bossi alla vigilia - dello sport per eccellenza «che fa conoscere alla gente la propria terra». E invece, questo Giro della Padania, fin dall’esordio, è già in piena bufera, travolto da contestazioni, incidenti, polemiche. Con una coda di scambi di accuse a sinistra che pure si era schierata unita contro - «è solo propaganda» - ma poi ha litigato. Tensione durante la prima tappa Paesana-Laigueglia, che aveva ricevuto il via dal sottosegretario Michelino Davico, Renzo Bossi, e dalla presidente della Provincia di Cuneo, Gianna Gancia. (...)segue a pagina 5