Giro di vite contro il caporalato: siglato l’accordo fra imprese e sindacati

La Cgil di Milano ha sottoscritto con le centrali cooperative, con Sogemi srl (Società per l’impianto e l’esercizio dei mercati annonari all’ingrosso di Milano) e le imprese del settore (Associazione grossisti ortomercato) «un importante accordo per regolamentare le operazioni di carico e scarico delle merci del mercato ortofrutticolo di Milano». L’intesa siglata ieri «prevede, insieme a nuove modalità di controllo degli accessi, all’incremento della presenza della vigilanza urbana e all’adeguamento delle strutture logistiche, una serie di prerequisiti indispensabili per poter essere ammessi ad operare nel mercato». Tra questi parametri per certificare i requisiti minimi di imprenditorialità, il divieto di subappalto, la certificazione di regolarità contributive, il piano di tutela della salute degli addetti, l’allontanamento immediato in caso di gravi inadempienze delle cooperative assegnatarie del servizio.
«L’accordo è importantissimo e nasce da un lungo confronto tra gli operatori del mercato, le sigle sindacali e le cooperative che operano all’interno dell’area del mercato - spiega il presidente di Sogemi Roberto Predolin -. È un protocollo d’intesa che prepara un bando di gara che vedrà ridotto il numero delle coooperative che potranno operare dentro l’area e pretenderà da quelle che ne avranno invece la possibilità una serie di requisiti dai quali non sarà più possibile prescindere. Ciò permetterà a Sogemi di controllare le cooperative e di ridurre ampiamente gli spazi di manovra che portavano personale non regolare dentro le strutture. Inoltre Sogemi ha scelto di attivare 2 piattaforme logistiche che ottimizzeranno i lavori di carico e scarico, riducendo il lavoro di facchinaggio manuale».