In gita dietro le quinte dell’Opera

Alle «Giornate europee dell’Opera» aderisce anche l’ente lirico capitolino con una «tre giorni e tre notti» di immersione nel regno del melodramma e della danza. In tale cornice oggi si svolgerà (a pagamento) la «prima» di Giselle, nella versione firmata da Carla Fracci, con Oksana Kucheruk (al posto della infortunata Laura Comi). Le «Giornate europee» - spiega il sovrintendente Francesco Ernani - a Roma come negli enti lirici di tutta Europa si rivolgono ad una platea di ogni età con lo scopo di avvicinare ai diversi aspetti artistici e produttivi della messa in scena di un’opera come di un balletto: scenografie, costumi, musica, canto, coreografie. Il visitatore potrà aggirarsi nei teatri dal mattino a notte fonda, calcare il palcoscenico, provare il trucco, ascoltare pagine celebri di musica, assistere alle ultime prove di «Giselle» e di «La fille mal gardée» eseguita dagli allievi della Scuola di danza. Per gli scolari delle elementari e delle scuole medie è stata organizzata un’attività ludica e didattico-sperimentale con il racconto in chiave fiabesca e ironica di alcune tra le più famose trame d’opera: chi si presenterà mascherato (sono anche i giorni di Carnevale!) godrà di un vantaggio al via. Saranno aperti al pubblico anche i laboratori di scenografia di via dei Cerchi, dove da decenni mani esperte creano e conservano decine di migliaia di costumi storici.