Gite in Umbria per «gustare» folk d’autore e prelibatezze

Da stasera al 30 agosto, l’Umbria è folk. Al parco comunale di Guardea prende il via «Umbria Folk Festival» con il concerto di Eugenio Bennato. Tanti eventi gratuiti, tra musica e gastronomia, distribuiti in quattro cittadine al confine con il Lazio. Oltre a Guardea, spettacoli a Orvieto, Porano e Amelia. Per l’inaugurazione ci si affida dunque a Eugenio Bennato e alla musica trascinante e intensa che arriva dal «Grande sud». Il fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare lascerà poi le luci della ribalta alla sua creatura: l’ensemble si esibirà infatti il 16 agosto, nella suggestiva ambientazione di Villa Paolina, a Porano. Orvieto torna protagonista dal 21 al 24 agosto. Piazza del Popolo ospiterà quattro spettacoli di grande richiamo artistico. Nell’ordine: Ambrogio Sparagna e l’orchestra pizzicata «Tarantella d’amore», che propone balli popolari e serenate dell’Italia centro-meridionale; Nando Citarella e i Tamburi del Vesuvio, alle prese con canti antichi e nuove contaminazioni; il flamenco di «El Rio Andaluz» e, infine, il miscuglio festoso e multietnico dei «Zuf de Zur» da Gorizia, con l’intento di fondere ed esprimere al meglio la multietnicità dei popoli che vivono in quelle terre. Le quattro date orvietane saranno aperte da altrettanti «opening act» d’eccezione: il 21 agosto Les Crudites, duo orvietano che ha già partecipato all’edizione dello scorso anno, il 22 la musica popolare di Antonio Ballarano da Avellino, il 23 Luca Pirozzi da Grosseto, con «Accordi e Disaccordi Trio», e infine, il 24, per la serata dedicata al Friuli Venezia Giulia, il gruppo folkloristico Paisan de Prato. La serata conclusiva avrà luogo il 30 agosto ad Amelia, in piazzale Boccarini, secondo appuntamento della rassegna con un artista straniero: il Septeto Santiagueiro porterà in Umbria le festose notti di Cuba. Prima dei concerti, a partire dalle 19, sarà possibile aggirarsi tra vari stand che offriranno numerose prelibatezze gastronomiche.