Giubbini rifrangenti per i ciclisti: scattano le multe anche in città

È tassativo, d’ora in avanti i ciclisti dovranno indossare il giubbino rifrangente sulle strade extraurbane e nelle gallerie. Scattano infatti due nuove norme previste dalla riforma del Codice della strada varate a fine luglio. La prima riguarda i caschi comunemente detti «a scodella» o «a padella», che saranno completamente banditi. Pena: fermo amministrativo del mezzo per 90 giorni e una sanzione di 74 euro. La seconda riguarda il giubbino obbligatorio per i ciclisti quando fa buio. Da oggi scatteranno controlli e sanzioni per garantire sicurezza sulle strade extraurbane e nelle gallerie. Sono molte le novità introdotte dal nuovo Codice della strada, e già in vigore dalla scorsa estate. Le più importanti hanno riguardato il giro di vite per chi guida in stato di ebbrezza, con multe più pesanti e l’introduzione della «tolleranza zero» per i neopatentati e i conducenti professionali. I test antidroga sono diventati più severi, così come sono state previste norme più stringenti per chi produce, commercializza e soprattutto trucca le minicar.