Giudice condanna il treno in ritardo

Trenitalia è stata condannata a risarcire cento euro come danno esistenziale a una passeggera per i disagi patiti in conseguenza del ritardo di circa un’ora e mezza di un treno interregionale Genova-Torino, causato da un guasto del locomotore. La sentenza è stata emessa dal giudice di pace di Genova Claudio Cattani che ha condannato Trenitalia anche a rimborsare il prezzo del biglietto. A darne notizia sono stati i legali della passeggera, Alberto Ponetti e Alessio Cavagnaro, i quali hanno sottolineato «l’importanza di tale innovativa pronuncia giurisprudenziale che concerne l’applicazione, anche in ambito di trasporto ferroviario di persone, dei principi in materia di diritti dei consumatori recentemente codificati nel nostro ordinamento, nel cosiddetto «codice del consumo». Gli avvocati hanno inoltre commentato: «Si tratta di un superamento di quelle obsolete norme che riconoscono tuttora ingiustificati e vessatori privilegi all’ente erogatore del servizio e che avevano sino ad oggi trovato il favore dei giudici, con buona pace dei pendolari ed utenti in generale».