Il giudice mette al bando la parola extracomunitari "Espressione negativa"

Polizia giudiziaria e forze dell'ordine dovranno chiamare &quot;cittadini stranieri&quot; gli immigrati. E Forza Nuova insorge: &quot;Dichiarazioni estremamente gravi&quot;. <a href="http://www.ilgiornale.it/sondaggio_1a.pic1?PID=277" target="_blank"><strong>E' giusto? Di' la tua</strong></a>

Savona - Quando si parla di immigrazione, e in generale di categorie deboli della popolazione, bisogna sempre confrontarsi con lo spinoso problema dell'uso dei termini. Così, all'insegna del politically correct, il procuratore di Savona Francantonio Granero ha deciso di chiedere a tutti i dipendenti degli uffici di polizia giudiziaria e alle forze dell'ordine di non usare più la parola "extracomunitario". Secondo il procuratore, che firmerà nei prossimi giorni la circolare, il termine ha infatti assunto un'accezione negativa e dovrà  per questo motivo essere sostituita con il più neutrale "cittadino straniero".

E, a poche ore dall'indiscrezione, il provvedimento ha già suscitato polemiche. I primi ad indignarsi sono stati gli esponenti di Forza Nuova che giudica "estremamente gravi" le dichiarazioni di Granero. "Nascondere la verità, nascondere l’evidenza dei fatti, confondere l’opinione pubblica con terminologie ambigue, ergersi a difesa di uomini e donne che molto spesso clandestini non avrebbero neanche il diritto di risiedere sul territorio nazionale, è diventato di moda da parte delle diverse istituzioni".