A giudizio Romeno sgozzò fidanzata e amica per gelosia

La fidanzata aveva deciso di lasciarlo; lui la sgozzò con un rasoio comprato qualche ora prima, uccidendo anche la ragazza che con l’ex fidanzata condivideva l’appartamento. Per l’accusa di duplice omicidio volontario premeditato e aggravato dalla crudeltà, il 18 febbraio prossimo sarà processato dalla I Corte d’assise, Marian Negoita, romeno di 32 anni. A disporre il rinvio a giudizio è stato il gup Filippo Steidl, accogliendo la richiesta del pm Maria Cristina Palaia. Respinta, invece, la richiesta dell’avvocato Fernando Catanzaro, che per Negoita aveva sollecitato il giudizio abbreviato condizionato all’effettuazione di una perizia psichiatrica. Il duplice omicidio avenne il 4 gennaio scorso. Negoita era sotto l’effetto della cocaina.