A giugno il piano di Unipol

Stefanini: «Guardiamo alla bancassurance con Bnp e ad acquisizioni, in Italia e all’estero»

da Milano

Unipol è interessata al comparto della bancassurance, a cominciare dallo sviluppo dell’alleanza con Bnp, e non esclude in questa direzione alleanze o acquisizioni, anche se al momento non ci sono dossier aperti. Entro giugno arriverà comunque il nuovo piano industriale. Lo ha detto ieri a Milano il presidente Pierluigi Stefanini, alla presentazione dei conti 2005, la prima del «dopo-Consorte», sottolineando come la ricerca di eventuali operazioni di acquisizione sia a tutto campo e non esclude l'estero: «L'esperienza della bancassurance in Unipol è stata interessante e vogliamo continuare su questo campo. Non escludo alleanze o acquisizioni, ma non ci sono dossier aperti. Non esiste, non c'è mai stato né è prevedibile all'orizzonte», un dossier su Toro, ha detto ancora Stefanini. E «valutiamo come le altre» l'ipotesi di creare un'alleanza più stretta con il Monte Paschi.
Riguardo le possibili acquisizioni, «sono uno dei campi di sviluppo, ma c'è anche la strada delle linee interne», ha poi aggiunto Stefanini, parlando della necessità di «restare con i piedi per terra».
Nel corso della presentazione il direttore generale Carlo Cimbri, responsabile area finanza, ha dichiarato che nel rapporto con Bnp «alcuni aspetti sono stati già definiti, altri sono in corso di valutazione». In base agli accordi siglati a febbraio tra Bnp Paribas e Unipol, la compagnia bolognese diventerà partner assicurativo privilegiato dei francesi, con cui svilupperà un piano di cooperazione strategica nei settori non-vita e previdenza complementare. Inoltre Unipol imposterà con Bnl un accordo commerciale in esclusiva nel bancassurance di 5 anni.
Sul fronte del rapporto con il Monte dei Paschi, Holmo (holding delle coop) e Mps stanno lavorando per una proroga di sei mesi del patto di sindacato su Finsoe, la holding che controlla Unipol. Lo ha detto Vanes Galanti, vicepresidente di Unipol, anch’egli alla presentazione dei conti 2005: «Con Mps c'è un dialogo aperto. In questi giorni Holmo sta rinnovando il patto esistente per i prossimi sei mesi, poi dipenderà dalle strategie dei due gruppi». Tra Holmo e Mps ci sono state incomprensioni sull’ingresso in Finsoe della francese Bnp Paribas, dopo l'acquisto della quota di Unipol in Bnl.
Intanto Bnp Paribas ha ieri acquisito il 4,93% del capitale di Bnl ora ne detiene il 50,4%. Con questa operazione l'istituto francese «ha ultimato l'iter attuativo della transazione firmata il 2 febbraio scorso con un gruppo di azionisti di Bnl».