Giugno in ripresa Fiat sale al 7,9%

da Milano

Dopo quattro mesi di chiusure in
flessione, il mercato dell’auto europeo (27 Paesi Ue più Efta, cioè Islanda, Norvegia e Svizzera) a giugno torna a crescere, totalizzando globalmente 1.543.770 nuove immatricolazioni, in progresso dello 0,7% rispetto a giugno 2006. Merito dei nuovi Stati membri dell’Ue (+21,1%) ma soprattutto dell’Italia, dove gli incentivi continuano a fare da volano al mercato (+8% a 226.057 unità a giugno e +6,5% a 1.416.273 unità nel semestre). E tra i principali costruttori europei il gruppo Fiat ha messo a segno il progresso maggiore, vendendo a giugno in Europa occidentale (Ue a 15 più Paesi Efta) 113.197 vetture nuove, in crescita dell’8,9% sul 2006. La quota di mercato del Lingotto è così cresciuta, rispetto al 7,2% di un anno fa, al 7,9%. Il dato risulta però in flessione rispetto all’8,5% di maggio. Dal Lingotto affermano che le vendite di giugno in Europa occidentale sono state «decisamente positive», soprattutto «perché ottenute in un mercato in calo dello 0,6%». Nel semestre la casa torinese si è confermata quinta tra i costruttori di automobili in Europa occidentale: Fiat Group Automobiles infatti ha venduto 667.688 unità, in crescita del 6,7%, raggiungendo una quota di mercato dell’8,4%, contro il 7,8% dello stesso periodo del 2006. La domanda del mercato in Europa occidentale nello stesso periodo è invece calata dell’1,1%.