Giulia, a 11 anni è la bambina che sussurra ai cani

Una enciclopedia sugli animali e tanto di auguri. Mittente, l’ex presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi. Il regalo è stato consegnato da un corriere, inviato dal Quirinale, a Giulia Malafico, la bambina di Casalbuttano (Cremona) che a soli undici anni vanta un rapporto specialissimo con i cani: sussurra loro e riesce a farsi comprendere e a comprenderli come nessun altro. Tempo fa, a Giulianova (Teramo), Giulia ha ritirato l'ennesimo premio della sua già brillante carriera di addestratrice di cani da soccorso per i carabinieri. L'onorificenza in questione è l'Aquila d'oro Garibaldina, consegnatale dai Corpi Sanitari internazionali, un'organizzazione di utilità sociale che soccorre le popolazioni colpite da calamità naturali. «Gli organizzatori della manifestazione - spiega il papà Andrea - ci hanno spiegato di aver scelto Giulia perché con la divisa dei carabinieri, operando in situazioni di emergenza come quella di cercare le persone scomparse, è portatrice di pace». Con Giulia ha ricevuto un riconoscimento analogo anche Antonio Altavilla, uno dei carabinieri rimasti gravemente feriti nell'attentato del novembre 2003 a Nassirya.
L'anno scorso, dopo aver superato tanto di esame e conseguito il brevetto di addestratrice della protezione civile (in assoluto la più giovane al mondo), lei stessa aveva scritto una lettera al presidente. Chiedeva il suo autorevole intervento per salvare la razza in estinzione del lupo italiano. «Cara Giulia - le ha risposto, per il Capo dello Stato, il consigliere capo del servizio della segreteria generale della Presidenza della Repubblica, Fabrizio Nevola - ho ricevuto la tua lettera e desidero esprimerti il più sentito apprezzamento per la sensibilità che dimostri nei confronti degli animali; spero ti sia gradito il dono che riceverai insieme agli auguri di buona Pasqua e ai miei più cordiali saluti, che invio a te e alla tua famiglia». Giulia - che è ormai un personaggio e le cui imprese diventeranno presto probabilmente soggetto di un film - è a dir poco radiosa: continua a sfogliare il tomo di settecento pagine ma soprattutto a leggere la lettera con timbro e insegne ufficiali, che andrà ad arricchire il suo già nutrito palmares di riconoscimenti. «Tempo fa - racconta la mamma Milena - mio marito Andrea ha ricevuto sul lavoro la telefonata con la quale la Presidenza della Repubblica ci preannunciava l'invio del pacco e siamo rimasti meravigliati, credevamo addirittura si trattasse di uno scherzo. Invece il corriere è arrivato davvero. Siamo orgogliosi e contentissimi perché non è da tutti ricevere auguri di questo tenore».
Tutto merito di Giulia, amica degli animali che però adesso attende un fattivo contributo del Quirinale alla tutela del lupo italiano, un incrocio tra un pastore tedesco e un lupo appenninico, una razza protetta che rischia di estinguersi. Giulia ha una predilezione per i lupi e per i pastori tedeschi. A una recente esibizione della Protezione civile che si è tenuta a Pontevico (Brescia) la bambina ha stupito tutti con una dimostrazione di abilità facendo vedere che cosa è in grado di fare con cani di diverse razze, dai pastori tedeschi ai cani da pecora scozzesi, dai rottweiler ai pitbull, a un vero lupo abruzzese.