Giulio Scarpati: il mio Don Zeno Su Raiuno la fiction «edificante»

Domani e martedì la serie sul prete che fondò Nomadelfia. L’attore. «Una storia d’amore e anche un’utopia realizzata»


«Ogni mattina mi alzo felice. Ogni giorno è per me come se fosse il primo giorno». Gli occhi di mamma Irene brillano. Dietro la felicità di questa minuta ottuagenaria, dolce e inflessibile, c'è il segreto dei santi. L'amore. Mamma Irene è stata la prima delle «mamme per vocazione»: cioè delle giovani nubili che, pur rinunciando al matrimonio non hanno rinunciato alla maternità, e per cinquant'anni hanno allevato e cresciuto le centinaia e centinaia di bambini abbandonati, malati e orfani, raccolti da don Zeno Saltini. Il fondatore di Nomadelfia. «Ho visto la fiction della Rai, e ci ho ritrovato molte cose di don Zeno - commenta mamma Irene (a Nomadelfia non esistono cognomi: ci si chiama solo per nome)-. Ci sono momenti in cui Giulio Scarpati sembra proprio lui».
Don Zeno. L'uomo di Nomadelfia - le due puntate dirette da Gianluigi Calderone e interpretate da Scarpati, domani e mercoledì su Raiuno - appartengono di diritto al genere, solitamente deprezzato e deriso, ma di primaria importanza, del «cinema edificante». «Sono felice di aver girato Don Zeno, e non mi vergogno di dire che è una bella fiction, dichiara il regista. Narrato «in una chiave di realismo magico che ricorda Zavattini e Guerra» (come osserva il responsabile della fiction Rai, Gusberti) Don Zeno segue l’avventura umana del sacerdote emiliano che, per salvare i bambini abbandonati, creò nei presi di Grosseto la comunità di Nomadelfia, combattendo contro avversità d’ogni genere. Fino al commosso riconoscimento di Giovanni Paolo II. «Una fiction attualissima - considera Gusberti - soprattutto oggi che, nell'affrontare i drammi delle nuove povertà, non dobbiamo smarrire il senso profondo della nostra identità cristiana». «Oggi a Nomadelfia vivono 50 famiglie, 350 persone che come le prime comunità cristiane mettono tutto in comune - racconta mamma Irene (che nella fiction ha il volto di Isabella Briganti) -. Io ci arrivai nel 1941 perché don Zeno non riusciva più a fare tutto da solo. Avevo solo 18 anni, e i genitori contro. Mandarono anche la polizia, per riportarmi a casa. Ma io volevo seguire la mia vocazione a tutti i costi». Emozionato e partecipe il protagonista: «Questa è una storia d'amore - sintetizza Giulio Scarpati -. E di un'utopia che si realizza».
\