Giuni Russo, quante magie con Battiato e Toni Childs

Incalzando gli anni, anche nel recensore di canzonette cresce l’insofferenza verso l’effimero, e dunque il bisogno di valori alti e sodi. Ci si rifugia così nei grandi maestri e nei veri ispirati: ben venga allora questa Giuni Russo postuma e tuttavia attualissima, che torna a stregarci con la sua vocalità pirotecnica, le invenzioni folgoranti, la passione, l’ironia, la levità che non è mai futilità. L’album - accluso a un prezioso dvd dal vivo - ospita brani di varia epoca e un frizzante inedito, American man, tutti scritti con Maria Antonietta Sisini e quasi tutti cantati in duetto con altri artisti: dal maestro Battiato a Toni Childs, dal lepido Caparezza a Lene Lovich, eppoi un impagabile Vladimir Luxuria, un coro di Carmelitane Scalze e i Megaherz che ricreano con Giuni Un’estate al mare. Tutti impegnati a fianco di Giuni in un tragitto d’emozioni quasi insostenibile, e tutti tanto diversi tra loro da far emergere ancor più la versatilità d’una voce - e di un’autrice - davvero unica: nella sensualità, nello humour, nel misticismo assorto, nel sorriso svagato.

Giuni Russo Unusual (Radio Fandango)