La giunta vara le norme per reinserire 3mila «lsu»

Una delibera proposta da Alessandra Tibaldi, assessore regionale al Lavoro, Pari opportunità e Politiche giovanili prevede lo stanziamento di 36 milioni di euro per incentivare l'assunzione a tempo indeterminato, anche part time, dei circa tremila lavoratori socialmente utili della Regione negli enti pubblici e privati, nelle Asl, negli enti locali e nelle cooperative e loro consorzi. La delibera prevede anche la riserva, per gli Lsu, di una quota pari al 40 per cento delle assunzioni da farsi, in particolare quelle derivate dal turn over. Per il presidente della Regione Piero Marrazzo «È un'altra conferma del fatto che l'amministrazione regionale ha intenzione di non lasciare indietro nessuno, operando con responsabilità». I fondi necessari per l'attuazione degli interventi provengono da fondi regionali (12 milioni) e da un'apposita convenzione stipulata dalla Regione e dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (24 milioni).