Le giunte di sinistra cercano pezzi di ricambio

È sempre il panettone a fare da spartiacque. C’è chi arriva a mangiarlo e chi rischia di farselo andare di traverso. In politica, il centrosinistra genovese preferisce rovinare la digestione ai suoi uomini (e soprattutto donne). È già tempo di valzer nelle squadre delle giunte. In Regione sono iniziate le grandi manovre con almeno un paio di assessori coinvolti in un possibile rimpasto. Mentre in Provincia è in corso un vero terremoto sulla posizione di Franca Sanò, l’assessore al Bilancio, tecnicamente l’assessore più qualificante di una giunta, cui il presidente Alessandro Repetto ha formalizzato una lettera verbale di licenziamento, proprio come anticipato dal Giornale di giovedì. Un giorno di calma apparente, dietro la quale si sono in realtà consumati colloqui al curaro, e poi di nuovo battaglia. L’opposizione, attesa invano una presa di posizione del presidente, parte all’attacco. E intanto emergono nuovi motivi di attrito, nuovi possibili particolari che hanno portato alla decisione di allontanare l’ex direttrice del carcere di Marassi dalla squadra di Repetto, con il benestare di colui che avrebbe dovuto essere il suo sponsor politico, Fabio Broglia, ormai lanciato ai più alti livelli del suo nuovo partito, il Pd. (...)