Le giurie del Festival

Due criteri di valutazione diversi. Una giuria popolare, mille persone, 50 per regione, voteranno da casa e conteranno per il 50 per cento. Il televoto contribuirà al punteggio finale per il 30%, il restante 20 sarà determinato dalla giuria di qualità

Giuria demoscopica e televoto La giuria demoscopica è formata da mille persone selezionate - 50 per regione - e acquirenti di musica dai 14 anni in su (40% fino a 35 anni, 60% da 36 in avanti). La classifica nelle prime serate è ufficiale solo per i giovani, votati dalla giuria e dal televoto.

Giuria di qualità La giuria di qualità, composta da musicisti, registi, attori e giornalisti, interverrà soltanto venerdì per decidere il vincitore dei giovani e sabato per stabilire in trionfatore dei campioni. Il suo voto peserà per il 20% sul punteggio finale. Il 50% verrà deciso dal voto della giuria demoscopica. Il restante 30% verrà stabilito dal televoto del pubblico. La novità di questa edizione è che ci sarà una giuria per la sezione Campioni, ed una per la sezione Giovani: per la prima i giurati saranno Alba Parietti, Giancarlo Magalli, Alessandro D'Alatri, Gabriella Pession, Massimo Ghini, Vittorio Caprarica, Serena Autieri, Maurizio De Angelis, Barbara Palombelli, Claudio Coccoluto e forse Lunetta; mentre per la seconda, la giuria sarà composta da Sergio Assisi e Laura Chiatti, Giorgia Surina, Marco Maccarini e un ultimo giurato che dovrà sostituire Bianca Guaccero che, per impegni dell’ultimo minuto, ha dovuto declinare l’invito.