Giuseppe Rossi è pronto per il Brasile, crisi nera per Van Basten

Terzo ko di fila per l'Ajax dell'ex milanista La doppietta dell'attaccante azzurro rilancia il Villarreal al 4° posto in Spagna (dove Barça e Real continuano a vincere). In Inghilterra Manchester e Liverpool non sbagliano e continuano la fuga (solo pari Chelsea e Arsenal)

INGHILTERRA. Saluta quasi definitivamente la lotta per il vertice il Chelsea, che scivola addirittura al quarto posto, sorpassato dal sempre più sorprendente Aston Villa. I Blues, nel giorno del debutto di Quaresma (per lui numero 18 sulle spalle e prova anonima in campo), non vanno oltre lo 0-0 contro l'Hull City. Ne approfittano Manchester United e Liverpool, tra cui ormai sarà duello per la conquista del titolo. I Red Devils continuano nella loro impressionante serie positiva. Tredicesima partita senza subire gol e vantaggio di due punti (con una partita da recuperare) mantenuto intatto. Ad Upton Park serve una rete dell'infinito Giggs per superare il West Ham, che sotto la gestione di Zola ha raggiunto un insperato ottavo posto in classifica. Bene anche il Liverpool, anche se la squadra di Benitez deve penare di nuovo fino ai minuti di recupero per avere la meglio sul Portsmouth. A Fratton Park, i Reds, privi di Gerrard, all'85' sono sotto per 2-1: poi i gol di Kuyt e del solito Torres nel recupero fissano il risultato sul 3-2 per gli ospiti. Nel derby di Londra nord solo 0-0 tra Tottenham e Arsenal. Ad acuire la crisi dei Gunners anche l'infortunio occorso ad Adebayor: l'attaccante togolese resterà fermo tre settimane ed è a forte rischio la sua presenza nell'andata degli ottavi di Champions contro la Roma. Bene invece il Manchester City, che batte 1-0 un Middlesbrough sempre più disastrato grazie alle prodezze dei neo acquisti: segna Bellamy (ex West Ham) e i miracoli del portiere Given (ex Newcastle) salvano il risultato. SPAGNA. Nessuno scossone alla testa della classifica e distacco invariato di 12 punti tra Barcellona e Real Madrid. Le due sorellastre di Spagna vincono entrambe e proseguono le rispettive serie positive. Nei catalani, dopo lo show di Messi la scorsa settimana, tocca ad Eto'o prendersi la ribalta: la sua doppietta regola lo Sporting Gijon (a segno anche Daniel Alves nel 3-1 finale) e consente al camerunense di allungare su Villa in classifica marcatori (21 reti contro le 17 del valenciano). Il Real ringrazia invece Higuain, il cui gol decide la sfida del Bernabeu contro il Racing Santander. Ma la 22esima giornata porta in calce anche la firma tutta italiana di Giuseppe Rossi. Il guizzante attaccante del Villarreal, convocato da Lippi per l'amichevole di Londra tra Italia e Brasile, con una doppietta affonda il Numancia e permette al Sottomarino Giallo di agguantare il Valencia al quarto posto. Già, perché la squadra del tecnico basco Emery esce con le ossa rotte dal Reyno de Navarra, dove nel posticipo l'Osasuna ultimo vince per 1-0 (gol di Flano). Risale l'Atletico Madrid, a cui il cambio di allenatore ha fatto bene: Aguero e un doppio Forlan regolano il Recreativo. Male l'Athletic Bilbao, sconfitto 2-1 a Valladolid, mentre la sorpresa di giornata arriva da Siviglia, dove il Betis vince il derby in trasferta per 2-1. Al Sanchez Pizjuan la rete decisiva la segna una vecchia conoscenza del calcio italiano: l'ex milanista Ricardo Oliveira, tornato a casa dopo il peregrinare tra San Siro e Saragozza, ha ripagato la fiducia e regalato ai Verderones il successo. GERMANIA. Molto avvincente l'inizio 2009 in Bundesliga. La matricola terribile Hoffenheim resiste in testa, ma il pareggio per 1-1 a Moenchengladbach consente al Bayern di recuperare due punti portandosi a una sola lunghezza. A Monaco, il Borussia Dortmund spaventa Toni e compagni, ma Ze Roberto e la doppietta nel finale di Klose sono ossigeno puro per mister Klinsmann. La vittoria del Bayern vale triplo, perché in un colpo solo finiscono dietro sia l'Hertha (1-1 con l'Arminia Bielefeld), sia l'Amburgo, sconfitto a Karlsruhe. Ennesimo tonfo per il Werder Brema, prossimo rivale in Uefa del Milan e sconfitto per 1-0 dallo Schalke 04. RESTO D'EUROPA. In Francia turno favorevolissimo al Lione, che allunga a +4 sul Bordeaux. I campioni in carica (doppio Makoun e Benzema) passano a Nizza per 3-1 e approfittano del passo falso dei Girondins, che fanno harakiri a Marsiglia: l'autogol di Chamakh costa caro a Gourcuff e compagnia. Grande rimonta del Lilla, da 0-2 a 3-2 contro il Sochaux, mentre continua nel suo buon momento il PAris Saint Germain, che passa 4-1 a Nantes (doppietta dell'ex romanista Giuly) e rimane al terzo posto. Ferma la Scottish Premiership, mentre in Portogallo si giocava la sfida di vertice tra Porto capolista e Benfica prima inseguitrice. Le aquile di Lisbona mettono paura ai Dragoes con Yebda, ma il rigore di Lucho Gonzalez consente al Porto di chiudere sull'1-1 e di mantenere un punto di vantaggio. Crolla invece lo Sporting Lisbona, battuto in casa per 3-2 dal Braga e raggiunto in classifica dal Leixoes. In Olanda è crisi nera per Van Basten e il suo Ajax, strapazzato per 4-1 dal Twente, che lo sorpassa persino in classifica. Per i Lancieri terza sconfitta in quattro gare e distacco dall'AZ Alkmaar capolista che sale a 14 punti. Risale anche il Psv Eindhoven campione in carica, che batte 5-3 in trasferta il Volendam (in gol anche l'ex conoscenza interista Brechet).