Giussy Farina da padrone a padrino Ora vuole comprare l’Hellas Verona

L’ex presidente di Vicenza e Milan guida una cordata di imprenditori per rilevare il club. Pablito Rossi: «Ma chi glielo fa fare?»

Sandro Benedetti

da Verona

Correva l'anno 1989, mese di novembre e la stella di Giuseppe Farina, per tutti Giussy, in quei giorni si eclissò definitivamente. Il Tribunale di Milano condannò infatti l'ex patron di Vicenza e Milan a cinque anni di reclusione e al pagamento di 30 milioni per la gestione «allegra» della società rossonera. Capi d'accusa pesanti come truffa, appropriazione indebita, falso in comunicazioni sociali. Il Milan aveva anche conosciuto l'onta della retrocessione, poi arrivò Berlusconi e il Milan tornò ad essere una delle squadre simbolo in Europa.
Da quei giorni di fatti anche clamorosi ne sono già accaduti molti, e un altro potrebbe verificarsi oggi. A Verona, città dove Farina ha da sempre numerosi interessi economici, l'ex proprietario del Vicenza di Paolo Rossi e poi del Milan potrebbe annunciare l'acquisto del glorioso ma decaduto Hellas Verona, società che, con in panchina un milanese doc come Osvaldo Bagnoli, conquistò addirittura uno scudetto negli anni '80. Farina ha convocato una conferenza stampa. Certo quella condanna e il relativo mandato d'arresto spiccato dal Tribunale di Milano per falso in bilancio, falsa comunicazione ai soci e mancato pagamento dell'Irpef, rappresentano una macchia del passato, accuse tuttavia respinte dal diretto interessato. Farina dopo la condanna aveva lasciato l'Italia. Destinazione Spagna, poi Africa, Kenia e Sudafrica per la precisione. Si erano anche deteriorati i rapporti con i famigliari più stretti, con il figlio Francesco ad esempio, anch'egli grande appassionato di calcio, per qualche anno presidente del Modena.
Da tempo Farina è tornato in Italia e il vecchio amore non si dimentica. Ha seguito le ultime partite del Verona in compagnia della moglie del presidente Pastorello, altro amico di vecchia data. Si conoscono i due dai tempi del Vicenza e quando Farina comprò anche il Padova in C, tra i dirigenti biancoscudati c'era proprio l'attuale proprietario del Verona che, altra coincidenza, al Modena ha lavorato con il figlio di Giussy, Francesco. Ma che dire di questo ritorno? Pablito Rossi è stato molto realista: «Ha sempre avuto nostalgia di questo mondo, ma francamente gli direi: chi te lo fa fare?». Gianni Rivera sorride: «Il tipo era simpatico, di calcio ne capiva, peccato non avesse soldi».