Giustizia da riformare, colpa dei pm «vedette» e dei politici intimiditi

Caro Granzotto, ma allora aveva ragione Berlusconi a criticare un certo esercizio «politico» dell’azione giudiziaria? Qualcuno dirà che in Italia tra gli 8mila magistrati, quelli indifendibili sono forse un centinaio. Dunque dove stavano tutti gli altri, così bravi e super partes quando i loro colleghi dichiaravano di voler rivoltare l’Italia come un calzino e impedivano al governo di varare leggi che loro dovevano solo far rispettare? Sono comunque corresponsabili. Troppi sono i casi di malagiustizia che hanno creato questo clima di sfiducia nella magistratura. Forse, e purtroppo, Berlusconi aveva ragione.Renato Solazzi - Ospitaletto (Bs)