Giustizia Spunta ipotesi dei 2/3 dei voti alla Consulta

Per bocciare una legge o un atto con forza di legge la Corte Costituzionale dovrà deliberare a maggioranza dei due terzi dei suoi componenti. È una delle novità entrate a far parte della riforma della giustizia per via costituzionale. Si tratta di una delle più recenti versioni di bozze su cui i tecnici del Pdl sono al lavoro e su cui però è ancora aperto il confronto con Fli e Lega in vista del Cdm della prossima settimana. Previste anche la separazione delle carriere di giudici e Pm e due distinti Csm.