La giustizia trasloca a Porto di mare

Tribunale, carcere, sede del Tar e Corte dei conti, tutte in un’unica area. Lontano dagli uffici strabordanti di corso di Porta Vittoria e dalle celle umide di San Vittore. È questa l’idea che sta alla base della Cittadella della giustizia, che verrà realizzata tra le fermate della metropolitana gialla di Porto di Mare e Rogoredo, vicino alla via Emilia.
La Cittadella si estenderà su una superficie di 1.200.000 metri quadri, la metà dei quali destinati ad un’area verde che verrà curata dai detenuti. I lavori, che inizieranno nel 2009, prevedono anche la costruzione di abitazioni da assegnare a ufficiali di polizia giudiziaria e agenti delle forze dell’ordine. Il costo calcolato per la realizzazione del progetto si aggira fra i 600 e i 700 milioni di euro, la durata dei lavori dovrebbe essere di cinque anni.
Con l’aggregazione delle varie funzioni della giustizia in una sola area «il sistema della giustizia potrà funzionare meglio - ha detto il sindaco Letizia Moratti - e potremo dare condizioni di vita migliori sia ai carcerati sia alle guardie giudiziarie».