Giusy Malato: «Squadra ok, serve tempo»

da Montreal

Il Setterosa (fuori ai quarti, 5-7 contro la Russia) non è più il dream team: il mondiale canadese è la prima avventura fallita dalle azzurre, olimpioniche di Atene. Ma l’Italia è una squadra rinnovata, dopo l’addio di campionesse come Giusy Malato (ex centro numero uno al mondo).
La catanese: «Solo una partita sbagliata, non buttiamo via tutto». Poi un sms a Martina Miceli: «Coraggio, sono con voi nella gioia e nel dolore». Per la Malato la squadra ha risentito dell’uscita di atlete importanti come lei, Allucci e Grego: «Gli equilibri si sono alterati ed è normale quando lasciano persone che sono state vent’anni in Nazionale. Ma la cosa che è pesata di più è il cambio d’allenatore. Pesci è bravo, ma era difficile vincere subito».
Le azzurre si sono chiuse nel silenzio, per la Malato è normale: «Sono deluse, volevano smentire chi dopo l’Olimpiade diceva che si era chiuso un ciclo». Sarà per la prossima volta.