A Glasgow decidono i rigori Per il Siviglia un bis storico

Glasgow. Più che una finale di coppa Uefa sembrava la partitissima di coppa di Spagna. Problema: si giocava in Scozia e forse gli highlander locali avrebbero voluto ben altre squadre, ma non ben altro spettacolo. Partita sofferta fino all’ultimo con i novanta regolamentari chiusi sull’1 a 1 firmato da Adriano al 18’ per il Siviglia e da Riera al 28’ per i catalani (quest’ultimi in dieci dal 23’ del secondo tempo per l’espulsione per doppia ammonizione di Moises). Neppure i supplementari saranno capaci di assegnare la coppa: 2 a 1 per il Siviglia firmato da Kanoutè al 15’e pareggio di Jonatas al 10’ del secondo supplementare. Tocca ai rigori dare il verdetto: sarà 5 a 3 per il Siviglia. Partita della vita per entrambi i club: l’Espanyol con la voglia di stupire, il Siviglia con il desiderio di scrivere una pagina storica bissando il successo del 2006 e aggiungendo il proprio nome a una ristrettissima élite. L’uno-due, nella storia del trofeo, era riuscito solo a 2 squadre, entrambe iberiche: al Real nel 1985 e 1986; al Valencia nel ’62 e ’63. Missione compiuta.