Al Globe theatre piccoli spettatori crescono

Fino al 6 gennaio ospiterà ogni domenica spettacoli gratuiti dedicati ai bambini

Ariela Piattelli

Due anni fa veniva inaugurato, nel cuore di Villa Borghese, il Silvano Toti-Globe Theater (ingresso Piazzale delle Canestre), uno spazio che evoca le antiche glorie del teatro shakespeariano. Nella stagione appena conclusa il Silvano Toti-Globe Theater ha visto la partecipazione di un folto pubblico agli spettacoli legati alla tradizione teatrale, messi in scena da giovani attori («Romeo e Giulietta» ha registrato la presenza di diecimila spettatori per diciannove repliche). Un risultato importante, raggiunto grazie all’impegno del direttore artistico, Gigi Proietti: «La scelta di fare al Globe Theatre una serie di spettacoli veri e propri - racconta Proietti - fa parte dell’idea che io ho del teatro. Un teatro che è fisiologicamente popolare, un teatro in cui si può anche pensare, oltre che vedere. Questa stagione abbiamo avuto un pubblico giovane, che ha seguito gli spettacoli con attenzione e curiosità. Ciò dimostra che c’è utenza per una teatralità legata alla tradizione. Il nostro obiettivo è di riportare le persone alla quotidianità del teatro». E proprio per far tornare la gente a frequentare i teatri, il Silvano Toti-Globe Theater punta sulle «giovani leve» e dedica a loro degli spettacoli per bambini di tutte le fasce di età (ogni domenica mattina alle 11 fino al 6 gennaio, ingresso libero). Si inizierà domenica con «In viaggio con Scannamago», un divertente percorso virtuale che porterà i bambini, grazie alla guida del giocoliere-mago Paolo Scannavano, a visitare la Cina, l’India e Las Vegas. Il 20 novembre sarà la volta di «Al tempo dei girovaghi», uno spettacolo dedicato alle maschere (Arlecchino, Pantalone, Colombina e Zanni) che hanno reso la nostra Commedia dell’arte celebre in tutto il mondo. Un appuntamento dedicato all’educazione musicale quello del 4 dicembre che, con «Musica in fasce» e «Sviluppo della musicalità», coinvolgerà neonati e bambini fino ai sei anni per avvicinarli al mondo delle note. Sempre alla musica sarà dedicato lo spettacolo del 6 gennaio: «Amadè: Mozart piccolo e grande uomo», un ascolto guidato per bambini da sette anni in su di alcune opere di Mozart. Non mancherà un incursione nella rappresentazione teatrale della fiaba, l’8 dicembre sarà in scena «I vestiti nuovi dell’Imperatore», il racconto di Andersen rivisitato attraverso immagini, testo e musica. E proprio ai bambini Proietti promette una grande sorpresa che tiene nel cassetto da tempo: «Ho in mente - anticipa Proietti - di realizzare una grande produzione del musical per ragazzi “Pippi Calzelunghe”».