Per Gnaro 11 ottomila

Lui non lo dà a vedere e quando gli chiedi a quanto ammonta la sua corsa ai 14 ottomila della terra sembra liquidare la cosa con sufficienza, quasi con indifferenza. Se però ritorni sulla stessa montagna, dove già altre volte sei stato costretto ad accontentarti dell'anticima (pur oltre la soglia degli 8000 metri), è perché non hai nessuna intenzione di lasciare i conti in sospeso. Così è, se vi pare, la cronaca e il retroscena dell'ultima impresa del bresciano, valsesiano d'adozione, Silvio Mondinelli detto "Gnaro", che il 9 maggio ha raggiunto la vetta principale dello Shisha Pangma (8027 m) sul confine fra Nepal e Tibet. Certo è che Gnaro vede sempre più vicino il traguardo dei 14 giganti che, fino ad oggi, è stato superato soltanto da 13 uomini al mondo, primo fra tutti Messner nel 1986. Con lui sulla vetta himalayana anche l'altro valsesiano Michele Enzio, Christian Gobbi e il valtellinese Marco Confortola.