Goleada alla Lazio Il Milan risorge e Gilardino si sblocca

Per ora l’Inter è di un altro pianeta, lo dicono Ranieri e Della Valle, la Fiorentina toglie alla Juventus il titolo di seconda forza (in solitario) e la Roma passa a Parma rilanciata ancora una volta da Totti. La goleada del Milan all’Olimpico davanti alla Lazietta (1-5 il risultato finale) chiude questa settima giornata. A Firenze l’incontro più atteso, segna Iaquinta con Trezeguet in fuorigioco che lo stesso Ranieri confessa non sarebbe stato così assurdo fischiare. Il pareggio è di Mutu su rigore nei minuti finali. Alla fine Ranieri tonicissimo spiega che sarebbe un guaio far scappare subito l’Inter e soddisfatto fa sapere che per lo scudetto c’è anche la Juventus. Prandelli lo ridimensiona spiegando che i bianconeri si sono solo difesi. Ognuno vede la sua partita. Anche la Roma lascia Parma fra le polemiche, arbitro fischiato, Totti al 157° gol in carriera, uno più di Gigi Riva. Nel Parma debutta Mariga, primo keniano nel campionato italiano. Il Livorno perde a Catania, la Reggina sfiora il colpo a Palermo, prima vittoria del Torino in campionato,. E la goleada del Milan porta anche Gilardino a sbloccarsi con una doppietta. Dida per una volta senza titoli. Adesso c’è la sosta per la nazionale, la mezza fuga dell’Inter che ha già messo assieme più punti dello scorso anno, non è una illusione.