Il golf dei giovani va in buca con lo sconto per lo shopping

Un golf hotel a quattro stelle con 32 camere che si aggiungono alle 12 suite della club house, una reception nuova di zecca, un ristorante da cinque stelle, vini doc e cibo genuino, fairway mantenuti benissimo così come i green intorno alla tenuta La Bollina. Il Serravalle golf club ha riaperto i battenti dopo un inverno che nel Basso piemonte ha messo a dura prova un pochino tutti i campi, da Colline del Gavi a Villa Carolina a Margara. Ma il verde sul quale la prossima stagione golfistica si cimenteranno molti campioni di ferri e legni e amateur, soprattutto provenienti da Genova, è ricresciuto rigoglioso e le diciotto buche sono adesso in ottime condizioni. Tutto merito del Marco Semino, uomo immagine di Erg e del Gruppo Parga, che ha acquistato dai Berlucchi il campo l'anno scorso.
«Il merito non è soltanto mio - si schernisce Semino - ma soprattutto degli altri due consiglieri che hanno accettato di lavorare sodo per risollevare il circolo non soltanto dal punto di vista agonistico, ma anche sociale. Tanto che organizziamo pure tornei di bridge e burraco e abbiamo realizzato una serie di iniziative con le scuole locali per permettere ai giovani di conoscere il mondo del golf e l'ambiente e il territorio che circonda le nostre splendide colline a ridosso fra Serravalle e Novi Ligure».
Che il Serravalle golf club pensi ai giovani è dimostrato anche dalla convenzione a prezzi vantagiosissimi con il Cus Genova, che raccoglie non soltanto moltissimi neofiti di questo sport, ma anche giovani studenti universitari e dei licei genovesi. In sostanza per giocare a golf durante i giorni festivi al Serravalle costerà soltanto 32 euro. Molto meno di uno ski pass giornaliero. Per i giorni feriali la cifra scende alla metà. Insomma, grazie all'entusiasmo del direttore del Cus Genova Giulio Antonio Bonini e ai consiglieri dell'ex Bollina provare a imitare Tiger Woods, in questi tempi di crisi, ha costi di molto inferiori rispetto a tanti altri sport. La struttura, poi, è comodissima da raggiungere da Genova. Si trova soltanto a un paio di chilometri sopra il casello autostradale di Serravalle. Sopra il complesso dell'outlet dove, per gli accompagnatori, c'è da sbizzarrirsi per lo shopping. Chi gioca poi al golf club di Semino otterrà pure un coupon che vale il dieci per cento di sconto in tutti i negozi convenzionati dell'outlet Mc Arthur and Glenn. I principianti potranno iscriversi per la prima volta con un prezzo irrisorio di 500 euro per dodici mesi. Un forfait che consente l'accesso illimitato a tutti i servizi della club house, al campo pratica, al campo da golf se accompagnati dal maestro. La quota comprende anche 5 lezioni singole dall'istruttore del campo, il fortissimo Angelo Calì. Le lezioni costano meno di 25 euro l'una, in quattro si può risparmiare spendendo 12 euro a testa. Non occorre comprare, per le prime volte, l'attrezzatura (400 euro per i principianti), perché sarà messa a disposizione dal maestro. La tessera ufficiale della federazione italiana golf è libera e costa soltanto 60 euro all'anno. Le gare in programma al Serravalle sono 78 e si sono iniziate con quella di apertura dedicata al Cus Genova Day.