«Gomorra» è in corsa per il Golden Globe

Los AngelesGomorra di Matteo Garrone, già dominatore agli European Film Awards, i premi del cinema europeo, è candidato al Golden Globe per il miglior film straniero, assieme a La banda Baader Meinhof (Germania), Everlasting Moments (Svezia), Ti amerò per sempre (Francia) e Valzer con Bashir (Isreale). Una nomination che fa ben sperare anche per gli Oscar.
La Hollywood Foreign Press Association ha selezionato come miglior film drammatico The Curious Case of Benjamin Button di David Fincher, Frost/Nixon di Ron Howard, The Reader di Stephen Daldry, Revolutionary Road di Sam Mendes, e Slumdog Millionaire di Danny Boyle. A condendersi la vittoria fra i film «leggeri» troviamo invece Burn After Reading di Ethan e Joel Coen, Happy Go Lucky di Mike Leigh, In Bruges di Martin McDonagh, Mamma Mia! di Phyllida Lloyd e Vicky Christina Barcelona di Woody Allen, mentre fra i cartoni la lotta è tra il favorito Wall-E, Kung-Fu Panda e Bolt.
La migliore attrice drammatica uscirà dalla cinquina formata da Anne Hathaway (Rachel Getting Married), Angelina Jolie (Changeling), Meryl Streep (Doubt), Kristin Scott Thomas (Ti amerò per sempre), e Kate Winslet (Revolutionary Road). In lizza per la miglior interpretazione brillante al femminile ci sono Rebecca Hall (Vicky Christina Barcelona), Sally Hawkins (Happy Go Lucky), Frances McDormand (Burn After Reading), Meryl Streep (Mamma Mia!) ed Emma Thompson (Last Chance Harvey).
In campo maschile il migliore attore drammatico sarà scelto tra Leonardo di Caprio (Revolutionary Road), Frank Langella (Frost/Nixon), Sean Penn (Milk), Brad Pitt (The Curious Case of Benjamin Button), e Mickey Rourke (The Wrestler), mentre per commedia e musical fra Javier Bardem (Vicky Christina Barcelona), Colin Farrell (In Bruges), James Franco (Pineapple Express), Brendan Gleeson (In Bruges), e Dustin Hoffman (Last Chance Harvey). Grossi nomi anche per i non protagonisti. Fra gli altri si contendono la vittoria Penelope Cruz (Vicky Christina Barcelona) e Tom Cruise.
Fra le sorprese segnaliamo la mancata nomination di Clint Eastwood, regista di Changeling e regista e interprete di Gran Torino.