È «Gomorra» il libro dell’anno

La seconda edizione del Premio Fahrenheit si è conclusa ieri con la vittoria di Roberto Saviano, autore di Gomorra (Mondadori), che ha ricevuto il maggior numero di voti dagli ascoltatori di Fahrenheit, la trasmissione di Radio3 condotta da Marino Sinibaldi, precedendo Bruno Arpaia, Il passato davanti a noi (Guanda) e Marco Franzoso con Tu non sai che cos’è l’amore (Marsilio). Seguono le due esordienti Michela Murgia e Simona Baldanzi con due romanzi sul mondo del lavoro. Pietro Grossi è segnalato come l’autore del miglior racconto dell’anno. Tra gli autori stranieri vince Amanda Davis, Mi chiedo quando ti mancherò (Terre di Mezzo). Roberto Saviano ha avuto 750 voti, in totale hanno votato per e-mail oltre 4.500 ascoltatori. È il premio letterario italiano con la giuria popolare più ampia.