Gomorra a Parigi fa subito il tutto esaurito

Nel centro commerciale di Les Halles, nel cuore di Parigi, 350 persone hanno assistito ieri sera alla prima di Gomorra in Francia. In una città deserta per le vacanze di Ferragosto, il tutto esaurito è già una notizia: «Questo è il segno dell’interesse dei francesi per questo film - dice il patron della casa di distribuzione Le Pacte, Jean Labadie - Cannes 2008 è stata la resurrezione del grande cinema sociale italiano, e ciò ha prodotto l’attesa febbrile per «Gomorra» ed «Il Divo» che uscirà l’ultimo dell’anno». Agli spettatori che non si aspettavano tanto realismo Labadie risponde: «Non c’è da preoccuparsi, Gomorra interesserà sia un pubblico popolare, perché si è parlato tanto in questi mesi dei rifiuti di Napoli, che un altro più cinefilo, perché il neorealismo italiano ha sempre affascinato i francesi. Lunedì dopo la prima settimana si potrà già fare un bilancio». Campagna e distribuzione sono costati 800.000 euro, per pareggiare il bilancio ci vorranno 500.000 spettatori. «Domenico Procacci (che lo ha prodotto, ndr) è sicuro di un successo almeno pari a quello di “Respiro”, di Emanuele Crialese, che nel 2003 stregò 640.000 francesi».