Goodyear Dunlop, innovazione e qualità

«Il 2007? Un anno difficile per il settore dello pneumatico, frenato negli ultimi mesi da un inverno particolarmente mite, che ha penalizzato il segmento del Winter, oltre che dalla riduzione generale dei consumi, dovuta alla situazione economica del Paese. Eppure, nonostante tutto, siamo riusciti a confermare una quota di mercato del 21 per cento, con numeri pressoché costanti». Alessandro Coggi, presidente e amministratore delegato di Goodyear Dunlop Tires Italia, filiale italiana del più importante produttore mondiale di pneumatici, sintetizza così luci e ombre del recente passato. Concentrandosi poi sul presente e sul futuro con rinnovato ottimismo, forte degli asset di un gruppo la cui casa madre americana figura nella classifica del prestigioso periodico Fortune come l’azienda più innovativa dell’intera industria dell’automotive: «In questo 2008 - prosegue Coggi - intendiamo continuare a lavorare e a crescere sul mercato italiano lungo le tre linee di sviluppo che, tradizionalmente, caratterizzano la nostra azione: rinnovamento costante della gamma dei prodotti, ulteriore spinta sulla tecnologia Run On Flat e consolidamento della rete dei punti vendita affiliati».
Cominciamo dal prodotto: ci sono novità in vista?
«È notizia di questi giorni la presentazione di una nuova gamma Dunlop ad alte prestazioni. Per il secondo semestre, poi, abbiamo in programma altri lanci importanti con il marchio Goodyear. La nostra politica, insomma, è sempre quella di proporre ogni anno almeno una novità di prodotto significativa per ciascuno dei due brand principali».
Veniamo al Run On Flat, «lo pneumatico che cammina anche senz’aria»...
«Continuiamo a credere e a lavorare molto su questa tecnologia, nella quale siamo leader mondiali. Potendo vantare un paio di plus rilevanti rispetto ai competitor: prima di tutto, grazie a mescole all’avanguardia, garantiamo gomme davvero riparabili in caso di foratura; e in più le assicuriamo, per coprire anche quei danni, dovuti magari a un urto accidentale o a una buca, che rendono di fatto impossibile la riparazione. Mi piace poi ricordare che, proprio in questo campo, Goodyear ha introdotto sul mercato una novità assoluta».
Di che cosa si tratta?
«Del Duraseal, il primo pneumatico Run On Flat studiato appositamente per gli autocarri. Già adottato da Renault Trucks su alcuni dei suoi veicoli, dispone di uno strato supplementare gelatinoso sotto il battistrada: una massa sigillante che, in caso di foratura, forma un tappo per impedire la fuoriuscita dell’aria. Una volta rimossa poi la causa del danno, per esempio un chiodo, il materiale isolante si espande nel foro e il viaggio può proseguire senza soste».
La vostra rete di gommisti ha raggiunto numeri importanti. Siete soddisfatti della copertura ottenuta, o puntate ad ampliarla?
«Attualmente possiamo contare su 320 esercizi affiliati alla rete Super Service, ai quali vanno aggiunti i circa 300 che appartengono invece galassia Service. In totale, oltre 600 professionisti del pneumatico, sui quali investiamo per garantire alla clientela un servizio uniforme e il più possibile capillare su tutto il territorio nazionale. In questo senso, il lavoro di ampliamento non riguarda tanto i numeri assoluti, quanto l’esigenza di presidiare sempre meglio aree nelle quali siamo ancora un po’ scoperti».