Google contesta Bmw

I responsabili di Google hanno espulso dal motore di ricerca i siti web della Bmw a loro avviso colpevoli di manipolazioni dei risultati. Secondo un ingegnere informatico della Google, la Bmw ricorrerebbe a trucchi come pagine “invisibili” con parole chiave a ripetizione come «automobili nuove» o «vetture usate». La Bmw è però ottimista e annuncia che colloqui sono già in corso e che Google molto presto rimetterà in circuito tutte le pagine del sito web www.bmw.de