Gospel e rock, tutti i ritmi di San Silvestro

Gli anni Zero? Un decennio epocale per la musica, basti pensare alla rivoluzione connessa alla nuova cultura digitale. Tuttavia, Milano per dare il benvenuto al 2010 e al nuovo decennio ha optato, suo malgrado, per il basso profilo. Già, perché il morso della crisi ha tagliato ogni velleità di megaconcerto di piazza et similia e fatto preferire soluzioni più economiche, per la gioia dei deejay e delle cover band.

TRA GOSPEL E DANCE
Tra i classici di San Silvestro si piazzano in pole position gli Angels in Harlem Gospel Choir, i preferiti dagli U2, protagonisti del cenone in musica del Blue Note (dalle 19.30, ingresso 130 euro, con la possibilità di vincere, tra l'altro, due biglietti per un weekend in quel di New York). Ambizioso l'happening in programma agli East End Studios di via Mecenate 84 (ingresso 50 euro), sede della maratona elettronica «Capodanno d'Italia». Per la serie: 12 ore di musica (dalle 18 alle 6 del mattino) e quattromila metri quadrati per tre sale, dove si alterneranno la crew hip-hop milanese dei Club Dogo, tra i nomi più caldi della scena rap, e una parata di disc jockey tricolore con appeal internazionale a cominciare da Stefano Fontana in arte Stylophonic e Lele Sacchi.

RITMI CARIOCA
A chi piace etnico, menzione speciale per la seconda edizione del Brasilian white party all'Ondanomala di via Lampugnano (dalle 21, ingresso 60 euro) con un paio di chicche niente male: l'esibizione dei Novas Ondas capitanati dal cantante di samba pagode Jairao, il migliore in città, e la possibilità di concedersi un ballo benaugurante su una sabbia finissima. Attenzione: bisogna indossare qualcosa di bianco!

EVVIVA LE COVER
Si affida alle cover band il gran veglione di Capodanno dell'Alcatraz (cenone a buffet dalle 21 a 40 euro): oltre alle selezioni commerciali e anni Ottanta e Novanta di dj Carletto e il rock, ska e reggae di dj Morgana, a fare gli onori di casa ci saranno i Pop Secret, un quartetto formato da sessionmen di valore alle prese con un bel po' classici italiani e britannici.

HOUSE NEWYORKESE
Al Ca' Bianca di via Ludovico il Moro 117 andrà in scena il party che non ti aspetti: dalle 21.30 si cena (100 euro), dopodiché, da mezzanotte in avanti (50 euro), grande festa all'insegna della "nu house" con fari puntati su Kenny Carpenter, autentico mito del djing internazionale, meglio noto come il guru dello Studio 54 di New York, tra le discoteche di riferimento di tutto il mondo.

AVANSPETTACOLO BURLESQUE
Ultimamente tira parecchio il new-burlesque, un genere di intrattenimento, con ballo, canto, musica e recitazione, sullo stile degli spettacoli glamour degli anni Trenta e Quaranta (la massima esponente del genere è Dita von Teese, ex fidanzata del cantante Marilyn Manson), perciò nessuna sorpresa di fronte alla notizia del primo, trasgressivo Capodanno burlesque in salsa meneghina. Ad accompagnare le performance delle intriganti signorine del dark cabaret europeo Amber Topaz e Lady Flow, ecco la band The Wavers. Appuntamento (con look adeguato per l'occasione, ovvio) al New Dancing Apollo di via Procaccini 17. Info telefonando al numero 393.5305011.

SAN SILVESTRO LOW COST
Infine, torna al Black Hole di via Cena 1 il "Capodanno contro il caro€uro". Per una spesa davvero contenuta, che non può certo spaventare, ovvero 25 euro, due dancefloor con un tris di esponenti della minimal techno ungherese (Vanda & Hakaba, Dan Mute e Balatro) più, allo scoccare della mezzanotte, brindisi con gran spaghettata.