Governo: è crisi. Prodi presenta le dimissioni, Napolitano le accetta Domani alle 10 via alle consultazioni

Crisi di governo dopo che l'esecutivo è andato sotto al Senato sulla politica estera. Faccia a faccia tra premier e Napolitano: Prodi ha presentato le dimissioni, Napolitano le ha accettate. Da domani via alle consultazioni. Il problema, emerge da fonti governative, è che <strong><a href="/a.pic1?ID=158715" target="_blank">l'esecutivo non ha più la maggioranza al Senato: ecco i numeri</a></strong>

Roma - Il governo è stato battuto al Senato per due voti sulla risoluzione per approvare la relazione di politica estera del ministro Massimo D'Alema. La maggioranza richiesta era di 160 voti, mentre la risoluzione dell'Unione ha avuto solo 158 voti. La linea dell'esecutivo, che prevede la permanenza del contingente italiano in Afghanistan e l'ampliamento della base usa di Vicenza, sia pure attraverso il dialogo con i cittadini locali, è stata dunque respinta. La mozione non è un voto di fiducia, quindi l'esecutivo non è obbligato a dimettersi dal punto di vista della Costituzione. Ieri però il ministro degli Esteri Massimo D'Alema aveva detto che "senza maggioranza sulla politica estera un governo si deve dimettere".

Vertice immediato Subito dopo il voto nell'Aula di Palazzo Madama il ministro degli Esteri Massimo D'Alema si è infilato nella sala del governo del Senato per quello che appare essere una sorta di vertice dell'Ulivo: con lui il segretario dei Ds Piero Fassino, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Vannino Chiti, il ministro della Salute Livia Turco, il ministro dell'Istruzione Giuseppe Fioroni e i capigruppo e vicecapigruppo dell'Ulivo di Camera e Senato, Anna Finocchiaro, Dario Franceschini, Nicola La Torre, Marina Sereni. Mentre il premier Romano Prodi è stato raggiunto a Palazzo Chigi dal minsitro della Difesa Arturo Parisi e da quello per il Programma Giuliano Santagata.

Da Prodi Al termine dell'incontro il capogruppo dell'Ulivo al Senato Anna Finocchiaro informa i cronisti che il ministro degli Esteri Massimo D'Alema vedrà Napolitano. "Non dubiti il centrodestra che, così come il ministro D'Alema è venuto con rispetto delle istituzioni in parlamento a chiedere il voto sulle linee di politica estera, con lo stesso attaccamento alle istituzioni andrà ad avvertire con un colloquio immediato il Presidente della Repubblica". Prima, però, D'Alema ha raggiunto Prodi a Palazzo Chigi. Con loro anche l'altro vicepremier Francesco Rutelli. Nella sede del governo sono presenti anche i ministri Parisi, Fioroni, Santagata, il segretario Ds Fassino ed il capogruppo dell'Ulivo alla Camera Franceschini. Continua ad allargarsi la delegazione del governo convocata a palazzo Chigi da Romano Prodi. Pochi minuti fa è arrivato il ministro per la Solidarietà sociale Paolo Ferrero.

Prodi da Napolitano "Salirò al Quirinale al più presto" conferma il premier Romano Prodi al termine del vertice a Palazzo Chigi. "Ho sentito il Presidente della Repubblica - dice Prodi - e gli ho comunicato l'intenzione di recarmi al più presto al Quirinale per conferire e informarlo della situazione alla luce del voto odierno al Senato". L'incontro è programmato alle 19. Prima, alle 18,15, si svolgerà a Palazzo Chigi un consiglio dei ministri straordinario.

Dimissioni Romano Prodi dovrebbe arrivare dimissionario al colloquio con il capo dello Stato Giorgio Napolitano. Secondo quanto si apprende in ambienti dell'Ulivo la linea, caldeggiata dal ministro degli Esteri Massimo D'Alema, avrebbe convinto tutto l'Ulivo. Il consiglio dei ministri sarebbe stato infatti convocato appositamente per formalizzare la decisione. Sui passaggi successivi al momento è un fiorire di ipotesi, ma sembra che stia prendendo corpo l'idea di aprire una crisi vera e propria e non limitarsi ad un semplice ritorno alle Camere per chiedere una nuova fiducia. Secondo quanto si apprende, Napolitano potrebbe tenere un giro di consultazioni prima di decidere se rinviare il Governo alle camere o aprire le procedure per un nuovo governo, magari un Prodi-bis. "Il problema non è D'Alema", ha spiegato la fonte governativa a proposito delle voci sulle possibili dimissioni del ministro degli Esteri. "Il problema è del governo che non ha più una maggioranza al Senato". Il presidente del Consiglio, tenuto conto della votazione sulla mozione di politica estera da parte del Senato nel pomeriggio, ha informato il Consiglio del suo intendimento di rassegnare le dimissioni del Gabinetto da lui presieduto nelle mani del presidente della Repubblica. Il Consiglio ha preso atto.

Al Quirinale Il premier Romano Prodi ha lasciato palazzo Chigi per recarsi al Quirinale. Terminato il Consiglio dei ministri, il premier si è allontanato in auto dalla sede del governo alle 19,13 per raggiungere il Colle, dove dovrebbe rassegnare le sue dimissioni. "Presenterà le dimissioni" conferma il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro. "Il Capo dello Stato - continua Di Pietro - dovrà decidere se ci sia ancora o meno la maggioranza al Senato". "Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ricevuto oggi il presidente del Consiglio Romano Prodi. Il quale, tenuto conto del voto di oggi al Senato, ha rassegnato le dimissioni del governo". Lo ha detto, dopo il colloquio tra Napolitano e Prodi al Quirinale, il segretario generale della presidenza della Repubblica Donato Marra, che era accompagnato dal consigliere Salvatore Sechi. "Il presidente della Repubblica - ha aggiunto Marra - si è riservato di decidere ed ha invitato il governo a restare in carica per il disbrigo degli affari correnti. Il presidente avvierà domani le consultazioni, che avranno inizio dalle ore 10".

Seconda e terza carica dello Stato Il premier, dopo che Napolitano ha accettato le dimissioni, ha incontrato prima Fausto Bertinotti, poi Franco Marini, presidente della Camera e del Senato. Prodi ha lasciato palazzo Madama dopo l'incontro con Marini e senza rilasciare dichiarazioni è salito a bordo della sua auto. Il corteo ha dovuto rallentare sia pure per poco la partenza perchè su piazza Madama, proprio in quel momento, giungeva uno scooter con due militanti azzurri che hanno sventolato più volte a fianco della portiera dell'auto del premier il vessillo di Forza Italia. Bloccati da un vigile, lo scooter ha dovuto lasciare strada al corteo del premier. E saranno i presidenti delle Camere domani mattina ad aprire il giro di consultazioni al Quirinale, deciso dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo le dimissioni del premier. Alle 10,30 salirà al Colle il primo inquilino di Palazzo Madama, Franco Marini. Il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, invece sarà ricevuto dal capo dello Stato alle 11,30.