Dal governo fondi raddoppiati per Roma

È grazie ai soldi arrivati dal governo Berlusconi alla capitale che Veltroni può vantarsi del successo del modello Roma. Lo ha detto il ministro degli Esteri e leader di An Gianfranco Fini tracciando il bilancio degli stanziamenti erogati alla città dall’esecutivo. «Roma - ha esordito Fini nel corso di una conferenza stampa - con il centro-destra ha goduto di risorse come mai prima d’ora. Nonostante i tagli agli enti locali sbandierati dalla sinistra, la Finanziaria 2006 assicura alla città più del doppio dei fondi che aveva nel 2000». E ancora: «Oltre ai fondi ordinari per Roma in questi 5 anni sono stati stanziati dai ministeri sei miliardi di euro. Il grosso è arrivato dal ministero Infrastrutture e Trasporti, con 4.045 milioni, circa 8mila miliardi delle vecchie lire, destinati soprattutto alle metropolitane B1 e C ed a rinnovare il nodo di Termini». Il ministro alle Politiche agricole e candidato sindaco per An Gianni Alemanno ha invece presentato la proposta del partito per il futuro status della capitale: Roma si deve configurare come «città metropolitana speciale».