Governo: "La manovra sarà da 13,1 miliardi"

Il sottosegretario all'Economia Vegas fa il punto su Dpef: l'impatto complessivo fino al 2011 sarà di 34,8 miliardi di euro per raggiungere il pareggio di bilancio. Tagli agli enti locali per 3,4 miliardi nel 2009, 9,2 in totale. L'allarme Bce: <strong><a href="/a.pic1?ID=268483" target="_blank">&quot;Italia, conti a rischio&quot;</a></strong>

Roma - L’impatto complessivo della Finanziaria sarà di 13,1 miliardi e di 34,8 miliardi fino al 2011. Lo avrebbe detto, secondo quanto si apprende, il sottosegretario all’Economia Giuseppe Vegas presentando il Dpef durante la Conferenza unificata. La manovra triennale che il sottosegretario ha presentato prevede dunque un primo pacchetto da 13,1 miliardi a valere sul 2009 che si cumulerà alla manovra 2010 portando l’impatto a 20,2 miliardi per arrivare nel 2011 a complessivi 34,8 miliardi che serviranno, come già indicato, a raggiungere il pareggio di bilancio. I tagli a regioni, province e comuni saranno di 3,4 miliardi nel 2009 (più un miliardo di tagli alla sanità) nel 2010 si arriverà a tagli per 5,2 miliardi (meno 2 miliardi alla sanità) e alla fine del triennio i tagli complessivi saranno di 9,2 miliardi più 3 miliardi che arriveranno dalla sanità.