Il governo sgrida Caruso ma l’accontenta

In settembre, il governo introdurrà altre «profonde correzioni» alla legge Biagi. A delineare i progetti del governo in tema di lavoro è il ministro Cesare Damiano che, pur attaccando duramente il deputato no global Francesco Caruso, ha però lasciato intendere che il punto di equilibrio raggiunto con Cgil, Cisl, Uil e Confindustria sarà sacrificato alla politica e quindi spostato più a sinistra. E mentre sui giornali della sinistra massimalista imperversano i Caruso-fan, lui assicura: «Non mi dimetto».