Il governo va avanti senza i taxi

Tra governo e tassisti è ancora braccio di ferro. Ieri mattina le auto bianche hanno fermato il servizio in diverse città dopo la rottura delle trattative con il governo sul decreto che liberalizza il settore, poi il tavolo è ripartito nel pomeriggio ma i sindacati hanno fatto sapere che le parti sono ancora molto lontane. Il governo infatti non ha intenzione di cedere: il ministro Bersani aveva già criticato i blocchi dicendo che «le città non sono in mano alle categorie», poi in serata Romani Prodi ha chiuso ogni spiraglio parlando al Tg3: «Si può pensare di fare delle riforme senza avere delle categorie o delle persone che si ribellano, che sono contro? Il governo andrà avanti anche senza l’accordo con i tassisti».