Grande e grosso, Verdone si fa in tre

Il film più atteso del prossimo fine settimana è Grande, grosso e Verdone con il quale Carlo Verdone riconsegna una gustosa passerella dei suoi personaggi più famosi, spalmati su tre storie parallele.
In sala anche Cenerentola e gli 007 nani, pellicola di animazione.
Per gli amanti dell’horror esce Chiamata senza risposta che ha per protagonista il telefono cellulare, da qualche tempo diventato soggetto preferito di questo popolare genere. In questo film, le vittime ricevono una telefonata alla cui risposta fa seguito un messaggio registrato (con la loro stessa voce) che li informa della loro prossima morte.
Family Game, con Sandra Ceccarelli, ha per protagonista Vittorio, un quarantenne la cui figlia è presa in giro, a scuola, per la sua particolare amicizia con una compagna. L’altro figlio, invece, trova nei videogame quello che non riceve dalla famiglia. La situazione precipita con l’arrivo, in casa, del fratello minore di Vittorio, ex tossicodipendente.
Diretto da Eric-Emmanuel Schmitt è Lezioni di felicità che ruota intorno alle vita, apparentemente lontane, di uno scrittore di bestseller e di una commessa. Come spesso accade in questi film, le vite dei due entreranno in contatto.
In Nelle tue mani, Teo, studente di astrofisica, vive con Carla. Una sera, viene investito da Mavi con la quale nasce un rapporto d’amore. I due si sposano ma la donna ha qualche problema comportamentale.
Ambientato nella Sardegna, tra il 1937 e il 1950, è Sonetàula, un dodicenne pastore cresciuto con nonno e zio. Dopo un fatto di nera, il ragazzo diventa un pericoloso bandito.
Italiano è Vogliamo anche le rose, un documentario che, attraverso le voci di tre protagoniste, racconta l’evoluzione del movimento femminista (negli anni Sessanta e Settanta) che sradicò, pian piano, la struttura maschilista della società affermando il ruolo paritario delle donne.
Infine, è un documentario anche Per uno solo dei miei occhi, pellicola che analizza la crisi tra Israele e Palestina.