Grande festa ai campioni Primavera

Davanti a Villa Flora, dove abitano tanti campioncini blucerchiati, ci sono tre bandiere tricolori e una scritta: «Campioni». È il primo assaggio di un ritorno super nella loro Bogliasco, per i ragazzi di Pea, arrivo al Mugnaini poco dopo le 17 dopo un lungo viaggio iniziato in mattinata con la partenza da Chieti. Scendono dal pullman e mostrano con orgoglio la coppa: il simbolo di uno scudetto che li ha fatti entrare nella storia sampdoriana. «Per un genovese doc come me e tifosissimo blucerchiato, rappresenta un grande motivo d'orgoglio», racconta Vincenzo Fiorillo, portierone della Primavera doriana che confessa : «Voglio restare a Genova e cercare di ritagliarmi uno spazio importante». Intanto, a metà luglio partirà insieme ad Andrea Poli, miglior giocatore delle finali, per i campionati Europei con l'Under 19: «È una stagione indimenticabile, impossibile chiedere di più. Adesso un po' di vacanza e poi si ripartirà con la maglia azzurra», racconta l'erede di Sergio Volpi. Ed è felicissimo anche Fulvio Pea, guida perfetta di questi baby rampanti: «Sapevo che questa squadra poteva fare molto bene, ma non mi aspettavo un'annata così: il merito è della società che ha raccolto i frutti di un ottimo lavoro svolto negli anni». Piace anche lui a tante squadre, sul suo futuro dice che deciderà d'intesa con Beppe Marotta, in piena sintonia: venerdì l'incontro.