Il grande jazz internazionale nella primavera del Borgoclub

Tre serate, oggi, il 12 aprile e il 24 maggio, per incontrare il grande jazz. Lo si deve al Borgoclub che in collaborazione con il Teatro della Tosse ha organizzato la quinta rassegna di Spring Jazz Festival. Una primavera di musica internazionale che sarà ospitata nel teatro di piazza Negri già a partire da questa sera, alle 21.30, quando sul palcoscenico salirà il Ben Monder Trio per presentare «Jazz of New York». Il chitarrista Monder sarà affiancato da Chris Lightcap al contrabbasso e dal Greg Hutchinson alla batteria.
Un’occasione da non perdere per vedere all’opera Monder, uno dei più preparati e significativi chitarristi jazz della scena mondiale. Musicista di grande integrità e rigore offre una musica con echi di serialità, sonorità chitarristiche odierne trasfigurate a modo suo, capace com’è di una costruzione melodica e di proiezione delle idee davvero personale.
Ma non è finita qui. Il secondo concerto proporrà un duo del tutto eccezionale, composto da Paolo Fresu alla tromba e Dado Moroni al pianoforte, per la prima volta insieme. I due musicisti, entrambi al top del successo, ma sostenuti da un background di diversa natura, daranno vita ad un concerto con un pentagramma che ad ogni pagina accenderà idee stimolanti, in un anelito di più stretto rapporto emozionale con il pubblico.
Infine il 24 maggio, sempre alle ore 21.30, appuntamento con lo Steve Grossman Quartet. Con Grossman, tenor sax, suoneranno Andrea Pozza, pianoforte, Aldo Zunino, contrabbasso, e Massimo Chiarella, batteria.