La Grande Mela sceglie Milano per farsi pubblicità

New York chiama Milano, ovvero New York e uno dei suoi simboli, il Metropolitan Museum, scelgono Milano per lanciare la campagna di comunicazione globale. Obiettivo: attirare sempre più turisti, «un punto nodale della economia della città». «New York e Milano sono accomunate dalla finanza, dalla cultura, dal design e dalla moda - esordisce George Fertitta, chief executive officer della New York city and company, società che si occupa del marketing e della promozione della città -. L’anno scorso abbiamo avuto 430mila turisti italiani, il 34 per cento in più del 2006. Numeri che ci hanno permesso di fatturare 28 miliardi di dollari nel solo 2007 e 370mila nuovi posti di lavoro. Un dato mi sembra interessante da segnalare: mentre negli ultimi cinque anni New York ha registrato un aumento dei visitatori del 9 per cento, gli Usa hanno perso il 17 per cento».
Per attirare sempre più visitatori la Grande mela ha pensato a una campagna di comunicazione globale, composta da un video e cartelloni pubblicitari, che toccherà Germania, Spagna, Russia, Svezia, Benelux. «È significativo - ha detto l’assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi - che oggi New York voglia intendere la nostra città come un suo presidio in Italia, come un luogo centrale da cui diffondere la notizia di iniziative che là accadono e delle novità del Metropolitan Museum. Salutiamo con grande interesse questa occasione di gemellaggio culturale anche in vista dell’Expo 2015».