Grande Roma Mancini super

da Parma

Roma travolgente. Tutto nella ripresa: due reti Mancini, una Perrotta, sesta vittoria in trasferta (e settima consecutiva: record di Capello eguagliato) e Fiorentina, quarta, solo due punti avanti. Il Parma ha resistito per un tempo, poi si è disfatto. Primi 45 che hanno visto gli ospiti più brillanti in avvio, con Totti che di tacco impegnava Guardalben e con Dacourt due volte al tiro. I gialloblù avrebbero potuto segnare con Bresciano (assist di Morfeo), ma è bravo Doni a opporsi. Scintille in area emiliana al 37’, con Mexes che si liberava bruscamente di Cardone e Cardone che cadeva come fosse stato investito da un elefante: esagerato.
Dopo il riposo, un Parma che aveva chiuso molto bene ogni spazio si scioglierà come neve al sole. A segno prima Mancini (doppietta), poi Perrotta, tutte e tre le segnature ispirate da Totti. Al 2’ De Rossi apriva per Perrotta, cross, testa del capitano, respinta di Cannavaro sulla linea, ancora Totti, respinta del portiere e tiro vincente di Mancini. Brasiliano al bis al 27’ grazie a un contropiede ispirato da Totti (che al 13’ si era visto negare il gol da Guardalben) e chiuso da Mancini con un pallonetto a scavalcare il portiere in uscita. Cinque minuti dopo il 3-0 di Perrotta che, pescato da Totti all’altezza dell’area piccola, indovinava il pallonetto alto e corto che si infilava dove pareva fosse impossibile arrivasse: sul palo lontano. Per il Parma solo il palo di Couto al 23’ ovvero nulla, la corfema che la B è un rischio vero.